Gli Stati Uniti temono la banalizzazione del “ricatto deterrente” russo e cinese

Appena pochi giorni dopo l'inizio delle operazioni militari in Ucraina, Vladimir Putin ha ordinato, in modo molto pubblicizzato, al suo Capo di Stato Maggiore e al suo Ministro della Difesa di mettere in allerta le forze strategiche russe, in risposta alla prima serie di sanzioni provenienti dagli Stati Uniti e dall'Europa contro la Russia in risposta a questa aggressione. Da allora, Mosca ha ripetutamente ripetuto le sue minacce strategiche nel tentativo di impedire all'Occidente di interferire nel conflitto in corso e di fornire un sostegno crescente agli ucraini. Se ciò non ha impedito agli Stati Uniti, alla Gran Bretagna e ad un certo numero di paesi europei di fornire armamenti sempre più pesanti man mano che la resistenza ucraina si rafforzava, questa posizione ha comunque convinto l'Occidente a rinunciare a fornire alcune attrezzature avanzate come aerei da combattimento, anti- sistemi aerei o artiglieria a lungo raggio, nonché intervenire militarmente nel conflitto, ad esempio imponendo una no-fly zone sul Paese.

Per l'ammiraglio Charles Richard, comandante del comando strategico statunitense, ora è prevedibile che questo tipo di ricatti per la deterrenza si moltiplichi nei rapporti di forza tra Occidente e Russia, ma anche nei confronti della Cina. Nonostante i trattati che vietino in Europa le armi nucleari a corto e medio raggio, Mosca si è infatti dotata di numerosi sistemi a doppia capacità, in grado di trasportare carichi utili sia convenzionali che nucleari, verosimilmente destinati a questo tipo di ricatto. Questo è particolarmente il caso di 9M273 Missile balistico a corto raggio Iskander-M in grado di trasportare una carica nucleare di 50 kilotoni per 500 km in una traiettoria semi-balistica progettata per contrastare le difese antimissilistiche occidentali, come il missile da crociera 3M-54/14 Kalibr con una gittata di 1500 km a bordo di corvette, fregate e sottomarini russi (proprio per contrastare il trattato INF che riguardava solo i missili terrestri), o anche il missile da crociera 9M729 Iskander-K che ha portato al ritiro degli Stati Uniti dal Trattato INF.

Il missile ipersonico aviotrasportato Kinzhal può trasportare un carico utile nucleare di 100-500 kt a 2000 km di distanza

Allo stesso modo, anche i nuovi missili ipersonici russi sono a doppia capacità, come il Kinzhal con un'autonomia di 2000 km in grado di trasportare un carico utile nucleare da 100 a 500 kilotoni e il missile antinave 3M22 Tzirkon in grado di trasportare una carica nucleare stimata in 200 kt. Da parte cinese, lo stesso vale, con missili come il DF-21 con una gittata di 1500 km e in grado di trasportare fino a 6 testate nucleari autonome da 200 a 500 kt, il DF-26 con una gittata di 4500 km, e il DF-17 con una portata stimata di oltre 2000 km e trasportare una carica nucleare in un aliante ipersonico. Più recentemente, ha rivelato Pechino l'esistenza di missili balistici navali e aerei di potenza e capacità paragonabili a quelle del DF-21. Inoltre, le forze strategiche cinesi hanno intrapreso la costruzione dialmeno 360 silos rinforzati per ospitare la sua nuova flotta di missili balistici intercontinentali combustibile solido negli anni a venire, mentre per due anni Pechino ha visto raddoppiare il numero delle sue testate nucleari disponibili, con stupore dei servizi di intelligence statunitensi che hanno stimato che ci sarebbero voluti circa dieci anni prima che la Cina riuscisse a raggiungerlo.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE