La Serbia potrebbe rivolgersi al Typhoon se la Francia si rifiutasse di consegnare "certi missili"

Le cose non vanno come sperato tra Parigi e Belgrado per quanto riguarda una possibile acquisizione di 12 aerei Rafale per sostituire i vecchi Mig-29 dell'aviazione serba. Se le trattative continuano con l'aviazione Dassault e l'Hotel de Brienne, sembra che le autorità serbe siano irritate dal rifiuto di Parigi di consegnare alcuni missili. E per dare peso a questa insoddisfazione, Nebojša Stefanovi, il ministro della Difesa serbo, ha annunciato il 16 aprile di aver avviato, parallelamente ai negoziati con Parigi, parla con Londra dei combattenti Typhoon, precisando che il primo dei due a soddisfare Belgrado su questi missili, potrebbe benissimo vincere la decisione. Il missile in questione è probabilmente il missile europeo Air-Air a lungo raggio Meteor, una delle rare munizioni con il missile SCALP utilizzabile da entrambi i dispositivi.

Inizialmente Belgrado aveva avanzato l'ipotesi di acquisire, accanto ai 12 Rafale francesi, altri 12 velivoli usati di altro modello per rafforzare queste capacità difensive, e i Typhoon Block 1 britannici erano considerati candidati credibili. Tuttavia, nella recente comunicazione del ministro della Difesa serbo, questa nozione di aereo di seconda mano non è più predominante e sembra che d'ora in poi Belgrado consideri effettivamente il Typhoon come una piena alternativa al Rafale francese. Inoltre, argomentando direttamente sull'autorizzazione all'esportazione del missile, la Serbia suggerisce che Londra sarebbe pronta ad aderire alle sue richieste, dove Parigi resisterebbe con determinazione. Tuttavia, il Meteor è un missile che riunisce le industrie britannica, svedese, tedesca, italiana, spagnola e francese (che produce in particolare il cercatore radar Meteor) e l'autorizzazione all'esportazione deve essere convalidata da tutti i membri. In effetti, la forma di pressione tentata da Nebojša Stefanovi potrebbe finire, perché Parigi potrebbe benissimo vietare l'esportazione della Meteora anche se Belgrado si rivolgesse a Londra e al suo Tifone. Sarebbe esattamente lo stesso, del resto, se le aspettative serbe riguardassero il missile da crociera Scalp/Storm Shadow, coprodotto da Francia e Gran Bretagna.

L'aviazione serba oggi gestisce 14 Mig-29 vecchi e in gran parte obsoleti, di cui 10 sono aerei russi e bielorussi acquisiti di seconda mano e 4 ereditati dalla Jugoslavia

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE