Queste 7 tecnologie che rivoluzioneranno il campo di battaglia entro il 2040

Se gli ultimi anni della guerra fredda sono stati occasione di numerosi e importanti progressi tecnologici nel campo degli armamenti, con l'arrivo di missili da crociera, aerei e navi stealth e sistemi avanzati di comando e geolocalizzazione, questa dinamica si è completamente arrestata con il crollo del blocco sovietico. In assenza di un avversario importante e tecnologicamente avanzato, e a causa delle numerose campagne asimmetriche a cui hanno preso parte le forze armate, tra il 1990 e il 2020 si sono registrati pochissimi progressi significativi dal punto di vista tecnologico, con la notevole eccezione della generalizzazione di droni aerei di ogni tipo. Ma con l'emergere, dall'inizio degli anni 2010, di una Cina determinata a raggiungere e superare tecnologicamente tutti gli attori mondiali da un lato, e la ricostruzione dello strumento militare e della ricerca russa, il ritmo tecnologico della difesa è tornato a aumentata notevolmente negli ultimi anni, al punto da far emergere nuove tecnologie atte a modificare radicalmente lo svolgimento delle operazioni militari e gli equilibri di potere nei prossimi 20 anni.

In questo articolo presenteremo le 7 tecnologie in via di sviluppo, che sono a diversi stadi di maturazione tecnologica, ma che hanno tutte il potenziale per trasformare profondamente il campo di battaglia entro il 2040, al punto da creare nuove forme di guerra o di confronto fino ad allora sconosciute, o anche per rendere obsolete alcune tecnologie che oggi rappresentano un perno strategico dell'organizzazione de La Défense: armi a energia diretta, computer quantistici, armi ipersoniche, intelligenza artificiale, cannoni ferroviari, robotica e i controversi rivelatori di neutrini.

1- Armi a energia diretta

Il 2022 sarà un anno chiave per l'emergere di tecnologie di armi a energia diretta, in particolare armi laser e pistole a microonde. In effetti, è quest'anno che il Guardiano dell'esercito americano, noto anche come DE-SHORAD per Direct Energy – Difesa aerea a corto raggio, entrerà in servizio. Il Guardian sarà infatti il ​​primo sistema di difesa mobile antiaereo e antidrone ad alta potenza ad unirsi alle unità da combattimento, con una potenza di 50 Kw sufficiente per affrontare droni di categoria da 1 a 3, è inferiore a 25 kg, ma anche per intercettare e distruggere artiglieria e proiettili di mortaio, nonché i più leggeri missili aria-superficie. Nello stesso anno anche il cacciatorpediniere USS Preble della classe Arleigh Burke Flight IIA sarà dotato di un sistema laser di autodifesa, il sistema Helios, con una potenza di 60 Kw. In Israele il primo ministro Naftali Bennet ha confermato il 1° febbraio che gli eserciti avranno, "in meno di un anno", un sistema di armi laser denominato "Laser Wall" impiegando un laser da 100 Kw per rinforzare e in parte sostituire il sistema Iron Dome per difendere il Paese dagli attacchi di razzi e mortai di Hamas.

il DE-SHORAD Guardian dell'esercito americano entrerà in servizio quest'anno – nota gli enormi dissipatori di calore che ricoprono lo scafo del veicolo

Questa mania per le armi a energia diretta risponde a un bisogno urgente, al fine di contrastare potenziali attacchi di droni leggeri, munizioni vagabondi, razzi e artiglieria, con una tecnologia che sia economicamente più efficiente dei missili attualmente in servizio e tecnologicamente più efficace di quella convenzionale Sistemi di artiglieria CIWS. In effetti, la maggior parte di queste minacce ha un costo unitario ridicolmente basso, consentendo all'avversario di implementare campagne di saturazione a un costo inferiore, mentre allo stesso tempo i missili utilizzati per contrastarle hanno un costo unitario di 10 50 volte maggiore. Inoltre, un laser da 100 Kw può distruggere un bersaglio fino a 20 km di distanza, dove un sistema CIWS di artiglieria può essere efficace solo a meno di 4 km, spesso meno, richiedendo il dispiegamento di 25 volte più sistemi CIWS per coprire la stessa area. . Tuttavia, lo sviluppo di armi a energia diretta è ancora agli inizi oggi e molti ostacoli tecnologici devono essere superati per sfruttare appieno il potenziale di questi nuovi sistemi.

Il primo di questi è proprio la potenza di questi armamenti, perché se un laser da 50 o 100 Kw può eliminare efficacemente droni leggeri o razzi fatti in casa, è necessario fornire una potenza molto superiore, oltre i 300 Kw, per essere efficace contro i missili da crociera più pesanti , aerei o droni. Tuttavia, aumentare la potenza dei laser da combattimento è tutt'altro che un argomento banale, poiché non solo è necessario disporre della tecnologia per creare un laser di tale potenza, ma è anche necessario essere in grado di fornire energia elettrica a questi sistemi. Inoltre, che si tratti della produzione di energia o del laser stesso, producono tutti una grandissima quantità di calore che è necessario dissipare per sostenere un impegno prolungato e ripetuto, ponendo sfide significative in termini di materiali, ma anche di radiazione infrarossa , mentre la furtività multispettrale è diventata una priorità per tutte le forze combattenti. Tuttavia, sono in corso sforzi molto significativi, in particolare negli Stati Uniti, per rispondere a queste difficoltà, con l'obiettivo annunciato di disporre di una gamma completa di sistemi di protezione ad alta energia per le forze aeree e terrestri e navali, prima della fine del decennio.

2- computer quantistici


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE