Quali sono i punti di forza e di debolezza dell'industria della difesa francese?

L’industria della difesa francese è oggi riconosciuta sulla scena internazionale come una delle più efficienti e complete del pianeta. Dai sottomarini a propulsione nucleare agli aerei da combattimento, compresi i satelliti da ricognizione, i veicoli corazzati e i missili, le principali società di difesa francesi sono presenti in tutte le nicchie e come tali rivendicano di essere il 3° posto tra i paesi esportatori di tecnologia di difesa dopo Stati Uniti e Russia, ma davanti a Cina, Germania e Gran Bretagna. Rappresenta, come tale, non solo il pilastro dell'autonomia strategica francese, ma una delle industrie chiave dell'export del Paese, sia nel campo del commercio estero che delle relazioni internazionali, e impiega, ad oggi, quasi 200.000 dipendenti, per una media annua fatturato pari a 20 miliardi di dollari, di cui il 40% derivante da contratti di esportazione.

Tuttavia, l’industria della difesa francese ha fatto molta strada. Quasi distrutto dall'occupazione tedesca durante la seconda guerra mondiale, seppe ricostruirsi negli anni '50 e '60 con grandi successi internazionali come gli aerei Mirage della Dassault Aviation, ma anche i sottomarini Daphné poi Agosta della DCN e i veicoli blindati AMX . Successivamente arrivarono altri importanti equipaggiamenti, nel campo dei missili (Magic, Exocet, Milan), degli elicotteri (Alouette, Gazelle, Dauphin, ecc.), nonché di molte altre tecnologie di difesa. Ed infatti, alla fine degli anni 80, disponeva di competenze tecnologiche molto avanzate, talvolta paragonate anche a quelle degli Stati Uniti, con l'arrivo di Fregate Stealth Leggere, il missile balistico dell'Ade, Elicotteri Tiger , Rafale o l' Char Leclerc. Dopo i difficili anni successivi alla Guerra Fredda, deve, ancora una volta, dimostrare le proprie capacità e prestazioni per rispondere alle sfide in rapida evoluzione in materia di sicurezza, in un mercato globale in piena ristrutturazione. In queste condizioni, quali sono oggi i punti di forza, ma anche i punti deboli di questa industria strategica per il Paese, per la sua difesa, per la sua economia e per il suo posizionamento internazionale?

Innovazione e rapporto prestazioni/prezzo

Se dovessimo riassumere in una frase la qualità primaria dell’industria della difesa francese, sarebbe senza dubbio “fare molto con molto poco”. In effetti, per soddisfare le esigenze degli eserciti francesi e la volontà politica di non dipendere, in materia di difesa, dall’alleato americano, le industrie della difesa francesi hanno sempre dovuto compiere l’impresa di fare almeno altrettanto nonostante i loro concorrenti, con risorse spesso molto inferiori a loro. Questo aspetto si trova in molti programmi moderni, come ad esempio Rafale il cui sviluppo costerà 45 miliardi di euro, la metà Typhoone 10 volte più economico del programma F-35. Allo stesso modo, il nuovo Sottomarini di attacco nucleare di classe Suffren sono vendute da Naval Group per 1,2 miliardi di euro alla Marina francese, il 40% in meno rispetto alla British Astutes e il 65% in meno rispetto alla Virginia americana. Nel campo dei veicoli blindati, il VBMR Griffon dal canto suo, è stato progettato in modo che il suo prezzo unitario non superi il milione di euro, laddove l'americano Stryker, con funzione identica, viene venduto per 4,9 milioni di dollari.

Suffren Submarine SSN SSN Marine Nationale 1 Analisi della difesa | Aerei da combattimento | Trasporti Aviazione
Gli SSN di classe Suffren sono dal 35 al 65% più economici da acquisire rispetto alle loro controparti di classe Astute britannica o di classe Virginia americana.

Inoltre, essendo questo equipaggiamento destinato principalmente ad equipaggiare i 3 eserciti francesi, che ne fanno un uso intensivo nei diversi teatri operativi in ​​cui sono schierati, si rivela particolarmente efficace, al punto da entusiasmare gli alleati della Francia. Questo è stato particolarmente il caso di Il sistema CAESAR di Nexter, riconosciuto come uno dei sistemi di artiglieria mobile più precisi ed efficienti in Occidente, e che ha ampiamente ispirato la progettazione di modelli simili in molti paesi, tra cui Stati Uniti, Cina e India. Anche in alcuni settori privilegiati dell’industria statunitense, le capacità degli ingegneri francesi hanno reso possibile lo sviluppo di sistemi altrettanto efficienti, e talvolta anche di più, delle apparecchiature provenienti dall’altra parte dell’Atlantico, come nel caso dei missili aria-aria. Magic contro il Sidewinder AIM-9B, poi il Magic 2 contro l'IAM-9J/L e infine il MICA contro l'AIM120 AMRAAM.

Per raggiungere questo obiettivo, l’industria della difesa francese ha fatto dell’innovazione attiva una specialità, con una reale capacità di superare tutti gli industriali del pianeta in alcuni settori. Ciò è particolarmente vero alla fine degli anni 80, quando contemporaneamente arrivarono il carro armato Leclerc, il primo carro armato in grado di sparare in movimento su tutti i terreni mantenendo precisione e cadenza di fuoco, o la fregata leggera furtiva, così innovativa da essere una dei personaggi principali di un film di James Bond. Questa capacità di innovazione continua ancora oggi, con programmi come il drone da combattimento stealth Neuron, il sottomarino nucleare Suffren o i veicoli blindati del programma SCORPION.

Gestione caotica del programma


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Analisi della difesa | Aerei da caccia | Aviazione da trasporto

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

3 Commenti

I commenti sono chiusi.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli