La Cina prenderà il sopravvento tecnologico militare sugli Stati Uniti?

Quando il 4 ottobre 1957 un razzo R-7 Semiorka lanciato dal sito di Baikonur in Kazakistan mise in orbita il primo satellite artificiale Sputnik 1, la fiducia degli Stati Uniti nella sua superiorità tecnologica, fino ad allora considerata indiscutibile , fu molto scosso. Questo episodio fu, insieme alla guerra di Corea, alla crisi missilistica cubana e alla crisi degli euromissili, uno dei culmine della guerra fredda, e generò una forte reazione americana. E per il generale Mark Milley, capo di stato maggiore degli eserciti americani, test di un sistema di bombardamento orbitale frazionario ipersonico effettuato da Pechino pochi giorni fa, potrebbe ben costituire un evento di significato simile a Sputnik 1 nella competizione tra Cina comunista e Stati Uniti.

Nonostante le smentite provenienti dalla Cina riguardo a questo test, presentato da Pechino come quello di un sistema di lancio spaziale riutilizzabile, il Pentagono sembra ormai convinto che si trattasse davvero di un sistema di bombardamento orbitale frazionato ipersonico, c'è cioè in grado di mettere in orbita un veicolo capace di rilasciare un aliante da bombardamento ipersonico da questa posizione. Questa tecnologia, un tempo testata dall'Unione Sovietica negli anni '80 per far fronte alla presunta iniziativa di difesa strategica americana annunciata da Ronald Reagan, consente tra l'altro di ridurre le capacità di rilevamento e intercettazione dei sistemi di allerta e di difesa antimissili balistici implementati in particolare su l'intera costa settentrionale degli Stati Uniti e del Canada per intercettare missili e bombardieri dalla Russia. Con un dispositivo del genere, Pechino potrebbe benissimo decidere di colpire gli Stati Uniti da sud, dove non è dispiegata alcuna difesa antimissilistica, in quello che ogni giorno sembra più che altro una sorpresa strategica a beneficio di Pechino.

La Difesa Strategica degli Stati Uniti (e del Canada) si affida soprattutto alla rete di rilevamento NORAD, e copre tutto il Nord America per fronteggiare missili e bombardieri russi che seguirebbero una traiettoria artica. D'altra parte, nulla controlla i missili che passano attraverso il polo sud.

"Quello che abbiamo osservato", ha detto il generale Milley in un'intervista a Bloomberg, "è stato senza dubbio il test di un sistema ipersonico, ed è molto preoccupante". “Non so se sia, come ho letto sulla stampa, un evento Sputnik, ma è molto vicino. Si tratta quindi di una dimostrazione tecnologica di grande importanza per la Cina, e richiede tutta la nostra attenzione", ha aggiunto. Ovviamente, il Pentagono non aveva previsto che Pechino avrebbe potuto sviluppare tale tecnologia, e il suo aspetto rischia di rimescolare in modo significativo le carte strategiche del pianeta. Notiamo anche che da allora Washington ha notevolmente accelerato la sua azione a favore di Taiwan, ufficializzando la presenza di istruttori militari americani sull'isola, nonché avviando una vasta azione diplomatica volta a federare un gran numero di di paesi intorno il reinserimento di Taiwan negli organismi delle Nazioni Unite, senza spingersi fino a promuovere un nuovo seggio per Taipei nell'Assemblea delle Nazioni Unite, che costituirebbe un probabile casus belli per Pechino.

Ovviamente Washington vuole creare rapidamente uno status quo inamovibile sull'isola indipendente dal 1947, prima che Pechino possa implementare nuove capacità che potrebbero dissuadere gli Stati Uniti dal venire in aiuto del loro alleato in caso di aggressione, in uno scenario paragonabile a quello applicato dalla Russia durante l'annessione della Crimea, poiché le forze nucleari russe sono state poste in pre-allerta durante questa operazione. Inoltre, il sostegno di una forte comunità internazionale e la presenza di truppe americane sul posto potrebbero dissuadere Pechino dal mettere in atto azioni ibride per impadronirsi dell'isola, come temuto dal ministro della Difesa giapponese Taro Kono.

La potenza navale degli Stati Uniti è ora minacciata dall'aeronautica cinese e dai loro bombardieri a lungo raggio, così come da alcuni modelli di missili balistici antinave ritenuti in grado di colpire una nave di grandi dimensioni come una portaerei o una nave d'assalto.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE