Barracuda, Shortfin, Scorpene: quali alternative per aumentare la flotta sottomarina francese?

Da alcuni mesi diversi deputati e senatori francesi, sia della maggioranza presidenziale che dell'opposizione, hanno ripetutamente e sempre più precisamente interrogato il Ministro delle Forze Armate Florence Parly in qualità di Capi di Stato Maggiore sulle capacità e le carenze di gli eserciti francesi nel campo del combattimento ad alta intensità e della deterrenza nucleare. Droni da combattimento, flotte da caccia o fregate, seconda portaerei e mezzi corazzati, sono stati discussi molti argomenti, con il concretissimo timore espresso dai parlamentari che le capacità operative degli eserciti francesi sarebbero state, negli anni a venire, insufficienti a garantire il sicurezza del Paese e di tutti i suoi territori con l'inasprirsi delle tensioni nel mondo, e l'arrivo di nuovi grandi attori militari mondiali.

Anche il formato della flotta sottomarina è stato discusso di recente, prima dal Deputato UDI del 3° distretto di Mayenne Yannick Favennec-Bécot in occasione dell'audizione del CEMA, Generale Lecointre, sul numero SSBN della Strategic Oceanic Force, un domanda alla quale ha risposto indicando che nell'attuale contesto di bilancio e in uno sforzo di difesa del 2%, è stato escluso ogni aumento di formato, senza rispondere il legittimo interrogatorio del deputato sull'adeguatezza del formato alla minaccia, che sappiamo essere notevolmente cambiata negli ultimi anni, come menzionato nell'articolo " SNLE3G: torniamo a un deterrente a 6 sottomarini? In cui abbiamo approfondito l'argomento.

In occasione di un'interrogazione scritta indirizzata al Ministro delle Forze Armate, il deputato LR del 2° distretto di Essone, Bernard Bouley, gli ha chiesto dettagli sull'adeguatezza del formato della flottiglia sottomarina dell'attacco della Marina francese sulla minaccia, proponendo di aumentarla a 8 unità contro le 6 previste, e di aggiungere 4 sottomarini con propulsione convenzionale Scorpene o Shortfin Barracuda per far fronte alla minaccia. Anche in questo caso la risposta è stata prettamente di bilancio da parte del ministro delle Forze Armate, il quale ha precisato che lo sforzo per sostituire i 6 SNA della classe Rubis con i 6 SNA della classe Suffren era già notevole. Tuttavia, a parte il solo criterio di bilancio, che certamente ha un ruolo determinante ma non può da solo dettare una decisione, è utile studiare i punti di forza e le opportunità offerte da queste soluzioni, così da valutarne la potenziale fattibilità. della pianificazione attuale.

La supremazia del sottomarino d'attacco nucleare

Interrogato dal giornalista Michel Cabirol sull'opportunità di acquisire sottomarini a propulsione convenzionale per rafforzare la flottiglia di sottomarini francesi, il capo di stato maggiore della marina, l'ammiraglio Pierre Vandier, ha risposto chiaramente che la soluzione non era adatta alla marina francese. Infatti, dal punto di vista dei marinai, è molto preferibile ottenere 2 sottomarini da attacco nucleare (SNA nel resto dell'articolo) di la classe Suffren extra, invece di ricevere 4 Scorpene o 3 Shortfin Barracuda allo stesso costo. E per una buona ragione: un ANS può effettivamente fare tutto ciò che un sottomarino a propulsione convenzionale (SSK nel resto dell'articolo) può fare, mentre il contrario è tutt'altro che vero! Infatti, grazie alla sua caldaia nucleare, un ANS può non solo rimanere indefinitamente in immersione, il limite è il cibo e la salute psicologica dell'equipaggio, ma può muoversi ad altissima velocità senza limiti di tempo, cosa impossibile per un SSK, che rimane vincolato da un'equazione energetica molto più restrittiva costringendolo a scegliere tra velocità e autonomia in immersione.

L'arrivo della classe Suffren ANS aumenterà notevolmente le capacità sottomarine della Marina francese

In altre parole, un ANS può effettivamente raggiungere ad alta velocità e durante l'immersione, quindi con discrezione, un'area di pattuglia a diverse migliaia di miglia nautiche in pochi giorni, dove un SSK può evolvere in immersione solo in un punto. abbassarsi in maniera sostenuta, e non può assicurare l'intero transito in immersione. Questa velocità consente anche all'ANS di poter raggiungere una nave lanciata ad alta velocità, dove l'SSK può solo sperare di intercettare le navi che incrociano il suo percorso, motivo per cui gli SSK vengono spesso paragonati a cacciatori in mare. aspettando una preda sul fondo. Inoltre, gli SNA, se sono più costosi e richiedono un equipaggio più numeroso degli SSK, offrono anche una disponibilità molto elevata, consentendo a un ANS con doppio equipaggio di offrire lo stesso numero di giorni in mare di 2 SSK. Dal punto di vista della Marina, quindi, non c'è alcun vantaggio nell'integrare gli SSK nella propria flotta a scapito della SNA, constatazione condivisa dalla US Navy o dalla Royal Navy, avendo anche eliminato completamente dal proprio arsenale i sottomarini a propulsione convenzionale .

Un'equazione economica e operativa più complessa di quanto sembri

Tuttavia, se la Marina francese dovesse ricevere SSK, troverebbe una serie di funzioni per loro. Infatti, proprio come i Mirage 2000 dell'Aeronautica e dello Spazio francesi, che svolgono missioni per le quali i Rafale sono sovraqualificati per un costo complessivo notevolmente inferiore, gli SSK potrebbero così liberare l'ANS da molte missioni per le quali le loro specificità sono superflue, ad esempio per proteggere gli approcci agli arsenali di sottomarini stranieri, in particolare quello dell'Île Longue che ospita i dispositivi di lancio di sottomarini nucleari della Strategic Oceanic Force, o per missioni di intelligence o di combattimento in mari poco profondi o stretti, come il Mediterraneo o il Mar Baltico . Metà meno costosi da acquistare e da mantenere, e richiedendo solo un equipaggio ridotto, i moderni SSK potrebbero quindi soddisfare esigenze specifiche, anche per la distribuzione di protezione subacquea permanente intorno ad alcuni territori d'oltremare in zona di tensione, come la Nuova Caledonia o la Riunione.

I sottomarini di tipo Scorpene sono stati scelti da 4 marine in tutto il mondo: Brasile, Cile, India e Malesia.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". I “Brèves” sono accessibili gratuitamente da 48 a 72 ore. Gli abbonati hanno accesso agli articoli in Breve, Analisi e Sintesi integralmente. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- sottoscrivi-voi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE