Per la Svezia, la NATO non è l'unica soluzione per difendere l'Europa

Come la Finlandia, la Svezia è stata saldamente attaccata alla sua posizione neutrale dalla fine della seconda guerra mondiale. Nonostante la vicinanza di forze, prima sovietiche, poi russe, e le tante tensioni che hanno segnato la sua storia negli ultimi decenni, Stoccolma ha sempre cercato di mantenere una posizione sicuramente europea, ma aperta nei suoi confronti. , pur mantenendo una notevole capacità difensiva per un paese di soli 10 milioni di anime. Tuttavia, la tentazione è grande, per alcuni leader politici svedesi, di avvicinarsi alla NATO e, perché no, di aderire all'Alleanza, di allinearsi con i suoi vicini e partner europei, in particolare Danimarca e Norvegia.

Ma questa soluzione non è favorita dall'attuale governo svedese, come chiarito dal ministro della Difesa svedese Peter Hultqvist, durante una conferenza stampa digitale tenutasi il 7 aprile. Secondo lui, la NATO non è l'unica soluzione per difendere l'Europa, e Stoccolma intende moltiplicare i legami bilaterali o multilaterali, a livello europeo e oltre, per rafforzare la coesione della sua posizione difensiva. Soprattutto, il governo svedese ha ottenuto dal suo parlamento il via libera a aumentare la sua spesa per la difesa del 40% nel periodo 2021-2025e raggiungere i 10 miliardi di euro entro questa data, ovvero circa il 2% del suo PIL.

I cento Gripen C / D che oggi difendono i cieli svedesi saranno presto rafforzati dall'arrivo del 70 Gripen E, la versione definitiva del caccia leggero svedese, mutuando molte caratteristiche dal famoso velivolo da combattimento di 5a generazione.

Gli eserciti svedesi passeranno quindi da 60.000 uomini, di cui 22.500 in servizio attivo e 35.000 riservisti, a 100.000 uomini entro il 2030, vale a dire l'1% della popolazione, e dal 4% della fascia di età ammissibile dai 18 ai 45 anni, nel fare uno degli eserciti più densi d'Europa. Ricordiamo che gli eserciti francesi, ad esempio, schierano solo 210.000 uomini e una riserva operativa di 60.000 uomini, per 68 milioni di francesi, cioè una densità dello 0,5%, due volte inferiore a quella del suo partner scandinavo. Inoltre, il paese mantiene un'eccezionale attività industriale della difesa, sempre in relazione alle dimensioni del paese. Così, l'aviazione svedese, il Flygvapnet, riceverà presto il primo dei 70 JAS 39 Gripen E ordinato, la nuova versione del caccia monomotore svedese. Si evolveranno insieme a circa 74 JAS39 Gripen C e 24 Gripen D attualmente in servizio.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE