Le forze speciali statunitensi istituirono la Task Force per la guerra sociale

Le Forze Speciali sono generalmente le prime unità schierate in un teatro di operazioni, e quindi le prime ad avere a che fare con la percezione locale del loro intervento. Questa percezione è oggi regolarmente manipolata da operazioni di influenza condotte da potenze straniere o gruppi ostili tramite i social network. Per Colonnello Ed Croot, capo del 1 ° corpo di comando delle forze speciali da Fort Bragg, nel nord della California, è ora necessario che anche queste forze speciali abbiano i mezzi per rilevare, identificare e contrastare queste operazioni di manipolazione di massa digitale, grazie a quelle che lui definisce "gusci di" artiglieria di influenza ".

In un articolo precedente, abbiamo scelto di farlo definire questo tipo di azione militare con il termine "guerra sociale". Visti i tanti feedback positivi ricevuti su questo articolo e su questa terminologia, continueremo quindi ad utilizzarlo. Social Warfare riunisce tutte le operazioni digitali basate sull'uso dei social network e la viralità sociale per creare un particolare contesto sociale, sia che sia favorevole ad un'azione alleata, o al contrario, ostile ad un'azione dell'avversario, così come le operazioni destinato a contrastare queste azioni offensive.

Le forze speciali statunitensi sono spesso le prime a entrare in un teatro di operazioni e le ultime ad andarsene.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE