Flip-flop ucraino contro l'acquisizione di Motor Sich da parte della cinese Skyrizon

A dicembre 2019, il gruppo ucraino UkrOboronProm ha approvato il sessione del 50% delle azioni del produttore di motori Motor Sich a due gruppi cinesi, il gruppo Xinwei e il gruppo Skyrizon Aircraft, tramite la società Tianjiao Aviation Industry Investment Co. Per la società ucraina che produce in particolare il turbogetto D-18 che alimenta l'Antonov An-124 e An-225, o il turbogetto D-346 che equipaggia lo Yak-46 e l'An-72, è stata una boccata d'aria fresca in un clima economico estremamente deleterio. Ma per molti osservatori stranieri è stata soprattutto un'ottima operazione per Pechino, che ancora fatica ad appropriarsi della tecnologia molto avanzata dei moderni turbogetti.

In seguito allo scandalo riguardante le pressioni esercitate sul presidente ucraino Volodymyr Zelensky da Donald Trump nel tentativo di compromettere il figlio del suo avversario politico, e ora presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, Washington era rimasta piuttosto discreta su questo argomento, proprio come It erano gli europei, che interessano poco i produttori di aerei e le industrie della difesa dei paesi dell'Europa orientale. Ma dall'arrivo di Joe Biden alla Casa Bianca, le cose sono visibilmente cambiate e la presidenza ucraina è uscita dalle sue riserve per opporsi a questa acquisizione.

I vettori a corto raggio An-72 e An-74 sono alimentati dal motore D-346 di Motor Sich

Gli articoli di notizie pubblicati oltre i 24 mesi rientrano nella categoria "Archivio" e sono accessibili solo agli abbonati professionisti.
Per ulteriori informazioni su questa offerta, clicca qui

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE