Le forze armate italiane danno una mano nella lotta contro il coronavirus

Se gli occhi dell'Europa sono puntati sulle statistiche italiane, è perché la penisola è stata la prima nazione del continente più colpita dal coronavirus, seguita da vicino da Spagna e Francia, secondo le statistiche del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) . Il suo sistema sanitario, colpito da dieci anni di carenza di investimenti, è stato saturato nella prima settimana di forte aumento dei contagi (tra il 7 e l'11 marzo, il numero di casi identificati è raddoppiato secondo i dati del Ministero della Salute italiano ), rivelando una mancanza di personale, letti, unità di terapia intensiva, nonché materiali essenziali come respiratori artificiali, maschere, guanti e altre forme di protezione contro la diffusione del virus.

Dall'inizio di questa crisi in Italia, il ministro della Difesa italiano, Lorenzo Guerini, ha messo a disposizione personale e attrezzature delle tre forze armate per sostenere gli sforzi sanitari nelle zone più colpite del nord del Paese. Ma è soprattutto dall'inizio del confinamento che si è verificato un aumento del dispiegamento dell'esercito italiano. Coordinato dal Comando Operativo Congiunto (Comando Operativo di vertice Interforze - COI), l'Esercito, l'Aeronautica Militare e la Marina sono oggi i pilastri della lotta italiana contro il contagio .

Limitare gli spostamenti

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso agli articoli di notizie, analisi e riepilogo. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti. L'abbonamento deve essere sottoscritto il il sito web di Meta-Defense


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE