L'Esercito popolare di liberazione cinese si doterà di droni suicidi

Le autorità militari cinesi hanno annunciato il lancio di una gara d'appalto, tramite il sito web dedicato weain.mil.cn, a copertura l'acquisizione di due modelli di droni suicidi, chiamato anche "Loitering munitions" in inglese, o "vagrant munitions". Già in servizio con diverse forze armate in tutto il mondo, come ad esempio in Israele, questo tipo di drone autonomo descrive il perimetro che gli è stato assegnato fino a quando non appare un bersaglio, dopodiché lo attacca precipitandosi su di esso. Se non appare alcun bersaglio, le munizioni possono quindi tornare al punto di partenza per essere recuperate o autodistruggersi.

Questo tipo di munizioni, che possono, a seconda del modello, essere sganciate da un aereo o lanciate da un veicolo, apre nuove opportunità tattiche, soprattutto in termini di interdizione ed eliminazione della difesa nemica (SEAD). Può essere implementato sotto forma di sciami, sono anche un potente strumento per superare obiettivi fortemente difesi, saturare ed eliminare le loro difese, quindi colpire pesantemente il bersaglio.

Derivato dall'Arpia, l'IAI Harop è oggi la munizione vagabonda operativa dalle prestazioni più importanti, con un'autonomia di 1000 km. È stato commissionato da 6 paesi tra cui India, Turchia e Germania

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". I “Brèves” sono accessibili gratuitamente da 48 a 72 ore. Gli abbonati hanno accesso agli articoli in Breve, Analisi e Sintesi integralmente. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- sottoscrivi-voi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE