Airbus annuncia la collaborazione con Singapore per lo sviluppo di una capacità di rifornimento automatico del volo

Oggi al Singapore Air Show, Airbus ha annunciato che la Repubblica di Singapore Air Force è il cliente di lancio per un nuovo sistema di rifornimento automatico di volo chiamato SMART MRTT. L'aeronautica di Singapore e il gruppo europeo Airbus collaborano da diversi mesi per integrare SMART MRTT nella flotta di sei navi cisterna Singaporean A330 MRTT.

Sono già passati diversi anni da quando Airbus ha annunciato che intende sviluppare una capacità di rifornimento automatico per questi MRTT A330. La tecnologia di rifornimento automatico aria-aria (A3R) è in fase di sviluppo presso Airbus Defence and Space da almeno il 2017. Una campagna di test condotta nel 2018 ha anche consentito un aereo di prova MRTT A310 dotato di un palo Stazione di rifornimento A3R per stabilire più contatti automatici con la presa di rifornimento F-16 e poiun'aeronautica australiana A300MRTT.

L'A330 MRTT è recentemente entrato in servizio in Francia, Arabia Saudita, Australia, Corea del Sud, Emirati Arabi Uniti, Regno Unito e, ovviamente, Singapore. Cinque altri paesi della NATO li hanno ordinati. Da notare la presenza del palo rigido sotto la coda dell'aereo oltre ai due tubi flessibili dispiegati sotto le ali.

D'ora in poi, Airbus e l'aeronautica di Singapore lavoreranno insieme sulle prove di volo e sulla fase di certificazione consentendo di sviluppare un sistema A3R operativo su MRTT A330 di produzione. L'automazione del rifornimento in volo dovrebbe consentire un rifornimento più rapido in volo, maggiore sicurezza e maggiore resistenza per le operazioni di rifornimento. Questi ultimi sono considerati particolarmente critici per lo stato insulare le cui basi aeree sarebbero particolarmente esposte in caso di conflitto e che dispiega parte della sua forza aerea sui territori alleati.

Oltre alle esigenze di Singapore, Airbus intende offrire un aggiornamento allo standard SMART MRTT a tutti gli attuali utenti dell'A330 MRTT ma anche alle sue future prospettive di esportazione. Questa nuova capacità sarebbe in realtà principalmente software, senza importanti modifiche tecniche delle console dell'operatore di rifornimento. Quest'ultimo rimarrebbe anche a bordo dell'A330 MRTT come supervisore del rifornimento automatico, pronto ad intervenire se necessario.

In un certo senso, ciò che Airbus propone con il suo SMART MRTT è di generalizzare al sistema di rifornimento rigido “Flying Boom” un'automazione già possibile con il sistema di rifornimento flessibile “sonda e farmaco”. Il sistema flessibile è utilizzato dagli aerei a bordo delle portaerei e dalla maggior parte dei caccia di design europeo, inclusi Mirage 2000, Rafale, Gripen e altri Eurofighter. L'aereo di rifornimento dispiega un tubo flessibile dotato di un cestello, e spetta al pilota dell'aereo rifornito di introdurre il suo palo di rifornimento in volo in esso. Il carico di lavoro è quindi quasi interamente a carico del pilota dell'aereo rifornito, l'operatore a bordo dell'A330 MRTT si limita a svolgere e riavvolgere il tubo flessibile e assicurarsi che la procedura si svolga senza intoppi.

Il sistema “sonda e droga” può essere allestito da petroliere pesanti ma anche da caccia leggeri o addirittura, in futuro, da droni. In effetti, non è necessario che un operatore di rifornimento utilizzi questo sistema di tubi flessibili.

Ben diverso è il sistema di rifornimento a palo rigido: in questo caso, l'aereo rifornito si accontenta di mantenere la sua posizione vicino all'autocisterna; l'operatore del rifornimento guida quindi a distanza un'asta rigida che inserisce nella presa di rifornimento posta sul muso o sul retro dell'aeromobile da rifornire. Questa soluzione è particolarmente pratica per aerei pesanti e ingombranti che non sarebbero in grado di collegarsi facilmente a una "sonda-e-farmaco". Inoltre, consente di trasferire il carburante molto più velocemente. Si trova quindi abbastanza logicamente su bombardieri pesanti, ma anche su aerei radar AWACS o sul muso delle petroliere, in particolare l'A330 MRTT. I caccia americani sviluppati per l'USAF, che impiega molti bombardieri pesanti, utilizzano anche il sistema di rifornimento rigido… in particolare l'F-16 e l'F-15 utilizzati dall'aeronautica di Singapore!

Automatizzando il controllo del braccio e la procedura di connessione tra esso e il ricettacolo dell'aeromobile rifornito di carburante, Airbus dovrebbe consentire un rifornimento più rapido, con maggiore precisione e minori errori di gestione. Anche il carico di lavoro dell'operatore sarà ridotto, il che dovrebbe consentire di facilitare le operazioni di rifornimento di carburante per lunghi periodi di tempo, o addirittura consentire il rifornimento simultaneo di un aeromobile sul braccio rigido centrale (ad esempio un F-15SG) e un o due aerei sui tubi flessibili disposti sotto le ali (ad esempio F-35B recentemente acquisito da Singapore).

Come l'A300MRTT, l'americano KC-46 ha tubi flessibili sotto le ali e un palo ventrale fisso. Il suo sistema di visualizzazione 3D non è ancora sviluppato, tuttavia, e il dispositivo stesso ha ancora molti difetti.

Airbus Defence & Space spera in un file Certificazione SMART MRTT dal 2021, che le consentirà di aumentare ulteriormente il divario tecnologico e operativo tra la sua soluzione MRTT A330 e la proposta americana basata sul Boeing KC-46 Pegasus. In effetti, l'aereo americano, sebbene più piccolo e in grado di fornire meno carburante, oggi è considerevolmente più costoso della proposta europea accumulando battute d'arresto tecniche. Quindi, mentre l'operatore di rifornimento di carburante dell'A330 MRTT opera da più schermi proiettando l'immagine filmata del boom del rifornimento e dell'aeromobile in avvicinamento, Boeing e USAF volevano assolutamente sviluppare un sistema Visualizzazione 3D proiettata su un visore per realtà virtuale. Una soluzione che tende quindi ad aggiungere pressione sulle spalle dell'operatore, ma che oggi è molto lontana dall'essere operativa. Infatti, mentre Airbus ha consegnato più di 40 velivoli a sette diverse forze aeree, per non parlare dell'aeromobile destinato a dotare un pool di cinque nazioni della NATO, il KC-46 rimane proibito dalle operazioni esterne.

Con SMART MRTT, Airbus risponde agli stessi problemi della soluzione di visualizzazione 3D (riduce gli errori di apprezzamento della distanza che allungano i tempi di rifornimento) aggirando la maggior parte dei guasti (latenza del display, affaticamento del operatore). Il produttore di aeromobili europeo conferma così il suo status di leader nel mercato del rifornimento in volo, anche se l'unico mercato interno USAF per il KC-46 rappresenta più della metà delle moderne capacità di rifornimento di carburante nel mondo.

La compagnia Omega Tanker svolge già operazioni di rifornimento in volo a beneficio della US Navy e ha recentemente ricevuto il suo primo KC-10 dotato di boma rigido compatibile con gli aerei USAF.

In pochi anni, però, Airbus non dispera di riuscire ad affermarsi nel mercato americano del rifornimento aereo. Le esigenze di approvvigionamento sono molto reali per l'USAF, in particolare per sostituire i KC-10 Extender il cui ritiro è imminente. Sulla base del fatto che l'USAF probabilmente non avrà il budget per acquistare contemporaneamente KC-46 e un nuovo modello di rifornimento pesante, Airbus ha unito le forze con Lockheed Martin per offrire soluzioni di rifornimento complementari a quelle del KC -46. Ciò potrebbe eventualmente comportare un servizio di leasing o anche un'operazione tramite società private, una soluzione in fase di studio da parte dell'USAF ma già utilizzato dalla US Navy. La presenza a bordo della MRTT di un sistema di rifornimento automatico più affidabile, più efficiente e meno costoso della soluzione proposta da Boeing sarebbe solo un ulteriore argomento a favore di una soluzione congiunta tra Airbus e Lockheed.

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE