La Corea del Sud convalida il design dei suoi nuovi cacciatorpediniere pesanti Aegis 3

Le autorità sudcoreane hanno annunciato la convalida finale del progetto dei 3 nuovi cacciatorpediniere di classe Sejong the Great per la sua marina, che ha già 3 unità di questo tipo consegnate nel 2008 e nel 2012, aprendo la strada per iniziare la costruzione dei 3 edifici.

I cacciatorpediniere classe Aegis Sejon the Great, del progetto KDX-III, sono tra le navi di superficie più potenti fino ad oggi, seconde solo agli incrociatori russi Kirov e americani Ticonderoga. Con un peso di quasi 11.000 tonnellate caricate per 165 m di lunghezza, trasportano 80 missili antiaerei SM2 Block III/IV in silos Mk41 accoppiati con il radar Lockheed AN/SPY-1 che equipaggia gli incrociatori Ticonderoga, 48 missili da crociera Hyumnoo III in K -Silo VLS, 16 missili antinave SSM-700 K Haeseong e un sistema di autodifesa RAM Block 1 con 21 missili RIM-116. Completano l'arsenale 1 cannone navale Mk45 da 127mm, e un sistema di autodifesa CIWS Goalkeeper da 30mm, a cui si aggiungono i 2 tubi tripli per siluri K745 Blue Shark. Inoltre, gli edifici hanno una produzione di energia elettrica di 75 MWh grazie alle sue 4 turbine General Electrique LM2500 CODAG, offrendo una significativa capacità di evoluzione e trasporto per nuovi sistemi, in particolare armi ad energia diretta.

Questa convalida, come quella dell'ordine per 3 sottomarini AIP KSS-III aggiuntivi, arriva quando la Marina cinese riceve i suoi primi cacciatorpediniere pesanti Tipo 055 da 13.000 tonnellate, che trasportano 112 silos per missili lunghi (antiaerei, da crociera, ecc.). ) e 24 silos corti per missili di autodifesa antiaerea. e che le forze di autodifesa giapponesi riceveranno il primo cacciatorpediniere Aegis della classe Maya, anch'esso pesantemente armato.

Negli ultimi anni abbiamo assistito a un rapido e massiccio rafforzamento delle forze navali nel Pacifico occidentale, un fenomeno senza precedenti dalla fine della guerra di Corea. Le principali nazioni navali, Cina, Giappone, Corea del Sud, Stati Uniti e Australia, sono impegnate in una dinamica di trasformazione, modernizzazione e rafforzamento delle loro flotte di superficie e sottomarine, integrando nuove tipologie di navi, pesantemente armate, destinate a supportare le navi di alto livello impegni di intensità.

In confronto, i formati delle marine europee, così come i loro edifici, sembrano completamente fuori passo rispetto a ciò che viene praticato oggi nel Pacifico e nell’Oceano Indiano. Ci si può chiedere, in questo contesto, come sperano la Marina francese e le sue 15 fregate di prim'ordine di poter garantire la sovranità nazionale e la protezione di circa 1 milioni di km8 di Zona Economica Esclusiva francese nell'Indo-Pacifico?

Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli